Top
Image Alt

Civiltà Appennino

  /  La dorsale archeologica   /  Archeologia d’Appennino

Archeologia d’Appennino

Archeologia e valorizzazione dei territori nelle aree montane della Basilicata per un modello tra passato e presente.

di Francesca Sogliani


 

“Archeologia montana”, “Archeologia delle risorse ambientali”, “Archeologia dei paesaggi marginali e delle aree interne”, “Archeologia delle Alpi” sono definizioni di aree di ricerca che negli ultimi anni hanno trovato sempre più ampio spazio nel dibattito scientifico sulle forme e modalità dell’insediamento antico e post-antico.

Questo “trend” di ricerca si inserisce a pieno titolo nel crescente interesse per la montagna e per le cosiddette “aree marginali” manifestatosi negli anni più recenti, a sua volta connesso alla “questione ambientale” a livello mondiale ed europeo. In Italia analogamente è sempre più spesso sui tavoli della concertazione politica e amministrativa il tema delle aree interne, in risposta alla SNAI – Strategia Nazionale delle aree interne, sulla quale si stanno articolando progetti e iniziative di vario genere. In quest’ambito si inserisce anche la ricerca archeologica sui contesti medievali fortificati e monastici delle aree interne della Basilicata, una regione segnata da un alto indice di territorio montuoso (47%) costituito dalle propaggini meridionali dell’Appennino, con dorsali discontinue e con altitudini tra i 1500 e i 2500 m slm e da una parte orientale di alta e bassa collina (45%).

I dati della ricerca archeologica hanno rivelato il ruolo preminente giocato da queste aree in termini di difesa e di strategie di controllo territoriale già nel periodo di transizione dall’età tardoantica (IV-V sec. d.C.) all’altomedioevo, segnato dal conflitto tra Longobardi e Bizantini, e oltre fino all’occupazione normanna e al periodo svevo-angioino. Allo stesso tempo alture, zone di crinale, comparti vallivi interni e aree boschive hanno rivelato la loro fisionomia di “contenitori” di eredità storiche nelle pratiche di sfruttamento delle risorse ambientali e di modalità insediative e costruttive.

L’intrinseca conservatività dell’ambiente montano e delle aree interne, qui come altrove, costituisce un terreno privilegiato per tali ricerche che, attraverso approcci multidisciplinari e metodologie di archeologia ambientale, conducono alla lettura attenta e alla ricomposizione del tessuto storico del paesaggio. Ma il contributo della ricerca archeologica offre spunti di riflessione anche per affrontare tematiche più ampie, dalla dimensione sociale, demografica e di popolamento agli aspetti dell’ecologia storica, dell’alimentazione, dell’economia rurale.

Ai nuovi markers territoriali del medioevo lucano, rappresentati dai numerosi siti fortificati d’altura e da insediamenti monastici, anch’essi spesso fortificati, sarà ad esempio affidato lo sfruttamento delle risorse del territorio rurale nonché la riorganizzazione della compagine demografica ed economica della regione, all’indomani dei conflitti politici e delle crisi istituzionali rappresentati dalla fine sistema di gestione dell’impero romano. La possibilità di utilizzare i dati dell’indagine archeologica, multidisciplinare e diacronica, relativi alle soluzioni insediative che hanno preso in considerazione per diversi motivi – sicurezza, risorse ambientali, viabilità, controllo territoriale – le aree montane, consente di ricostruire modelli e sistemi di sostenibilità, dinamiche di popolamento e di sfruttamento delle risorse ma ancora di enfatizzare il patrimonio di saperi e di conoscenze che le comunità del passato hanno tramandato attraverso i secoli a valere come modello di resilienza e come proposta contemporanea.

Questo contributo è il primo di un ciclo di incontri affidati ad alcuni degli studiosi che si sono occupati di archeologia delle aree interne/montane, con cui si vuole offrire un panorama a più voci delle ricerche in atto sul territorio italiano, per contribuire a mantenere viva l’attenzione sulle potenzialità ermeneutiche dell’indagine archeologica per la comprensione dei paesaggi antichi e medievali e delle loro risorse e per sperimentare forme di condivisione dei patrimoni e della conoscenza con le comunità.


 

  1. Torre di Satriano (Tito, PZ) (Archivio SSBA Unibas)
  2. Altojanni (Grottole, MT) (Archivio SSBA Unibas)
  3. Torre di Satriano (Tito, PZ): la torre illuminata per “Festivalia. L’archeologia si racconta” (Archivio SSBA Unibas)
  4. Torre di Satriano (Tito, PZ): “Festivalia. L’archeologia si racconta” (Archivio SSBA Unibas)
  5. Il castello rupestre di Pietrapertosa (TripAdvisor)
  6. Torre di Satriano (Tito, PZ): la torre e il gregge (Archivio SSBA Unibas)
  7. Il castello di Brienza (Foto Autore)
  8. Chirico Rapàro (Foto Autore)

(Credits foto: Francesca Sogliani)


 

Qualche riferimento bibliografico:

Brogiolo G.P., Angelucci D.E., Colecchia A., Remondino F. (a cura di), Apsat 1. Teoria e metodi della ricerca sui siti di altura, Mantova 2012.

Magnani S. (a cura di), Le aree montane come frontiere e/o come spazi di interazione e connettività /Mountain Areas as Frontiers and/or Interaction and Connectivity Space (Atti del Colloquio Internazionale, UdineTolmezzo, 10-12 dicembre 2009), Roma 2013.

Moscatelli U., Stagno A. (a cura di), Archeologia delle aree montane europee: metodi, problemi e casi di studio Archaeology of Europe’s mountain areas: methods, problems and case studies,“Il Capitale Culturale. Studies on the Value of Cultural Heritage”, 2015, 12.

Sogliani F., L’archeologia medievale in Basilicata: progetti di ricerca e cantieri di scavo, in F. Panarelli (a cura di), Alle fonti della Basilicata medievale: edizioni, progetti e cantieri, Atti del Convegno di Studi (Lagopesole, 8 marzo 2016), Bari 2017, pp. 265-312.

Sogliani F., Il monachesimo italo-greco in Basilicata. Ruoli e funzioni degli impianti monastici alla luce dell’archeologia, in F. Marazzi, C. Raimondo (a cura di), Monasteri italo-greci (sec VII-XI). Una lettura archeologica, Cerro al Volturno, pp. 91-104.

Sogliani F., La valle del Bradano nel Medioevo. Insediamenti, viabilità, sistemi di controllo e difesa in Basilicata, in F. Marazzi, C. Raimondo (a cura di), Medioevo nelle valli. Insediamento, società, economia nei comprensori di valle tra Alpi e Appennini (VIII e XIV sec.), Convegno di studi (Squillace, Casa delle Culture, 11-14 aprile 2019), Cerro al Volturno (IS), 2019, pp. 457-482.

Sogliani F., La presenza longobarda in Lucania: una lettura archeologica, in C. D. FONSECA (a cura di), Melfi tra Longobardi e Bizantini, Atti del Convegno (Melfi 10-12ottobre 2019), Bari, 2020, pp. 247-320.

Sogliani F., Paesaggi monastici della Basilicata altomedievale e medievale, “Il Capitale Culturale. Studies on the Value of Cultural Heritage”, 2015. 12, pp. 421-452.

Sogliani F., Roubis D., Masini N., Vitale V., Leucci G., Rizzo E., Archeologia dei paesaggi montani in Basilicata: una ricerca integrata nel territorio di Calvello, PZ (Basilicata), “Il Capitale Culturale. Studies on the Value of Cultural Heritage”, 2015, 12, pp. 385-419.

 

Francesca Sogliani
Francesca Sogliani, Università degli Studi della Basilicata, Direttrice Scuola di Specializzazione in Ben Archeologici, Responsabile scientifico del Progetto CHORA – Laboratori di Archeologia in Basilicata (https://unibas-it.academia.edu/FrancescaSogliani)
it_ITItalian
it_ITItalian